lunedì 25 giugno 2018

Lettera del Ministero tedesco con spiegazione relativa allo Jugendamt











Indagine della Commissione Petizioni del Parlamento Europeo
relativa al ruolo dello Jugendamt nei procedimenti familiari

A domande scritte della Commissione Petizioni del Parlamento Europeo, il Ministero Federale [tedesco] per la famiglia, gli anziani, le donne e i giovani (Bundesministerium für Familie, Senioren, Frauen und Jugend) risponde come segue (traduzione integrale in italiano).



1.  Potreste per favore elencare sulla base di quali principi lo Jugendamt[1] esercita la propria attività?

L’azione degli Jugendamt è basata sugli assunti prevalenti del § 1 del libro VIII del Codice sociale tedesco (SGB VIII), secondo i quali ogni giovane persona ha diritto al supporto nel suo sviluppo ed educazione, tale da renderlo una persona responsabile e atta alla vita sociale. La cura e l’educazione dei bambini rappresentano in questo il diritto naturale dei genitori ed il loro primo dovere; lo Stato interviene (solo) in qualità di “Amministrazione di controllo” [Wächteramt], Articolo 6, par. 2 della Legge fondamentale (GG). “L’aiuto alla gioventù” [Jugendhilfe] deve soprattutto favorire i giovani nel loro sviluppo individuale e sociale e contribuire ad evitare o eliminare gli svantaggi, deve consigliare e supportare i genitori e altri detentori dell’affido nell’educazione, deve proteggere i bambini e i giovani da pericoli al loro benessere, così come anche contribuire a mantenere o creare condizioni di vita positive per i giovani e le loro famiglie e un ambiente positivo per i bambini e le famiglie.  
I compiti che gli Jugendamt devono svolgere nell'ambito dell'aiuto pubblico ai giovani sono molteplici e spaziano dalle semplici offerte di consulenza e aiuto, ai doveri di coinvolgimento, fino agli obblighi di notifica e alle misure con carattere di intervento.
In linea di principio, gli Jugendamt non possono agire contro la volontà degli aventi diritto alla “cura della persona” [Personensorgeberechtigte][2], ad eccezione degli interventi urgenti[3] a breve termine in caso di pericolo per il benessere del bambino o del giovane.
Interventi di più lunga durata nel diritto all'educazione dei genitori, richiedono invece sempre una decisione del Tribunale familiare (cfr. ad es. 42 comma 3 frase 2 numero 2 SGB VIII).

Gli Jugendamt esercitano un'attività sovrana in quanto autorità municipale. In quanto tale, essi hanno il diritto di adottare provvedimenti e fornire servizi. In questo, essi sono vincolati dalla legge e dal diritto derivanti dall'articolo 20 capoverso 3 della Legge Fondamentale [Grundgesetz]. Pertanto, nelle loro decisioni, devono tenere conto e, per quanto possibile, conciliare in modo proporzionato tutte le posizioni giuridiche - comprese quelle protette dal diritto costituzionale - di tutte le parti interessate (ad esempio i bambini[4] e i loro genitori). Altri principi essenziali delle attività degli Jugendamt sono in particolare il dovere di tenere conto del desiderio e delle scelte dei beneficiari dei servizi (5 SGB VIII) nell'erogazione di tali servizi e l’ampia partecipazione delle persone aventi diritto all'affidamento e del bambino o del giovane ai processi decisionali e di aiuto.


2. Secondo il § 1697a BGB [Codice Civile Tedesco] ogni decisione va emessa sulla base del cosiddetto “principio del bene del bambino” [Kindeswohlprinzip]. Potreste definire il significato di “Kindeswohl” (bene del bambino) e citarne il fondamento giuridico nel Diritto tedesco? Il significato è applicabile anche alla “cura del patrimonio” [Vermögenssorge] o alla “cura della persona” [Personensorge]?

Il “principio del bene del bambino” [Kindeswohlprinzip] è il principio fondamentale e tema dominante di tutto il Diritto minorile; è l'orientamento costituzionale della “Amministrazione di controllo” [Wächteramt] Statale sui Diritti dei genitori (Corte Costituzionale, sentenza del 29 luglio 1959 – Raccolta sentenza CC 10, 59, 82; ultima decisione 3 febbraio 2017). Il significato di “Kindeswohl” (bene del bambino) è un termine giuridicamente non definito. Non esiste una definizione di Legge di questo concetto. Il significato di “Kindeswohl” (bene del bambino) va piuttosto ricercato nella giurisprudenza e nei criteri sviluppatisi con l’applicazione della Legge nei singoli casi.

In questo caso vanno tenute in considerazione le effettive circostanze del caso concreto, così come anche i fondati interessi delle parti in causa[5]. Poiché nessun bambino è uguale ad un altro e nessun rapporto genitoriale è paragonabile ad un altro, la concreta ponderazione dei diversi punti di vista non può essere trattata a mezzo della Legge. Vanno piuttosto considerate e valutate tutte le circostanze del singolo caso.
La giurisprudenza fa riferimento, per esempio nell'esame del “bene del bambino” in procedimenti portanti sull'affido, ai diversi cosiddetti criteri per l'affido, come il principio del sostegno [Förderungsprinzip], il principio della continuità [Kontinuitätsprinzip], così come anche i legami del bambino e la sua volontà.
Nella applicazione della legge devono anche trovare posto le attuali scoperte delle scienze extragiuridiche, quali ad esempio la pedagogia e la psicologia. Il legislatore non può tenere in considerazione tutte le possibili costellazioni di casi e regolarle tutte.
Proprio nel diritto di famiglia si deve dunque rinunciare a concetti giuridicamente definiti e non si possono dare definizioni univoche. Relativamente al concetto di “bene del bambino”, si trovano determinati concetti giuridicamente non definiti anche negli ordinamenti di altri Stati europei, così come anche nelle convenzioni internazionali.  Il “bene del bambino” quale principio basilare viene comunque particolarmente normato in numerosi e singoli articoli,  per esempio nei §§ 1631b, 1631d par. 1 capoverso 2, e 1634 par. 4 del Codice civile tedesco [BGB] che includono la regolamentazione nell'ambito della cura della persona; il §  1697a del Codice civile tedesco funge da orientamento generale e chiarisce l'autorevolezza del “bene del bambino” in quanto fondamento decisionale in ogni procedimento portante sull'affido e sul diritto di contatto. Va pertanto tenuto in considerazione anche nell'ambito delle decisioni sulla cura della persona o del patrimonio che sono parte della cura genitoriale.


3. In quale paragrafo del Codice civile tedesco [BGB] (a parte il § 1626, con il quale si definisce il concetto di “cura genitoriale” [elterliche Sorge]) si trova la definizione di “affido” [Sorgerecht]? Quale organo emette le decisioni relative alla “cura del patrimonio” [Vermögenssorge] del bambino? In questo caso è responsabile lo Jugendamt o il Tribunale familiare?

Il § 1626 Codice civile tedesco spiega il concetto di cura genitoriale e chiarisce che in esso sono comprese la cura della persona e del patrimonio. Dal § 1626 Cct si deduce che la cura genitoriale comprende anche la rappresentanza del bambino. Il contenuto della “cura della persona” [Personensorge] si deduce dal § 1631 Cct. e segg. Le regole relative alla “cura del patrimonio” [Vermögenssorge] si trovano nel § 1638 Cct. e segg. I decreti portanti sulla “cura del patrimonio” [Vermögenssorge] in quanto parte della cura genitoriale vengono emessi dal Tribunale familiare[6].


4. Potreste spiegare come la “tolleranza del legame” [Bindungstoleranz] viene interpretata dallo Jugendamt e dalle altre parti coinvolte nei procedimenti familiari?

Il concetto di “tolleranza del legame” [Bindungstoleranz] descrive la capacità dei genitori, soprattutto anche nelle dispute per l’affido, di dare al bambino un’immagine positiva dell’altro genitore e di permettere, senza tensioni, il contatto del bambino con quest’ultimo. La “tolleranza del legame” [Bindungstoleranz] dei genitori può essere determinante nelle decisioni sull’affido.


5. Quanti bambini sono toccati ogni anno dai provvedimenti o decisioni dello Jugendamt?[7]

Per via della generale competenza degli Jugendamt nell’aiuto a bambini e giovani [Kinder- und Jugendhilfe], come descritto al punto 1., fondamentalmente tutti i bambini sono, direttamente o indirettamente, interessati da provvedimenti e decreti dello Jugendamt. Non è possibile sapere il numero dei bambini coinvolti nei singoli provvedimenti. Da un lato, vengono registrate statisticamente solo alcune aree parziali. D'altra parte, nelle statistiche parziali più significative, viene registrato solo il numero dei provvedimenti e non quello dei bambini coinvolti. A causa della sovrapposizione delle diverse aree di responsabilità, il conteggio non è opportuno.


Con quali e quante Associazioni, Istituzioni e Fondazioni, “freie Träger” collabora lo Jugendamt?

Questo numero non è stato fino ad ora statisticamente rilevato.


Di quanti dipendenti dispongono i circa 700 Jugendamt e le associazioni non statali che lavorano con lo Jugendamt a protezione del “bene del bambino” [Kindeswohl]?

Il numero di enti locali che dispongono di un proprio Jugendamt è di 560[8]. Una indicazione del numero richiesto è possibile solo se si utilizza in modo esteso l'espressione "tutela del bene del bambino [Kindeswohl]", applicandola a tutti i servizi di aiuto a bambini e giovani. In totale 761.758 persone sono impiegate e remunerate in strutture, amministrazioni e Uffici per l’aiuto a bambini e giovani[9]. Al netto di altri tipi di collaborazione, il numero totale dei dipendenti è di 709.738 persone nella categoria “dipendenti, lavoratori, impiegati statali[10].


A quanto ammonta il budget annuale di uno [degli] Jugendamt? Tali cifre sono pubbliche?

Le statistiche ufficiali sull'aiuto a bambini e giovani mostrano gli esborsi per i vari programmi a livello federale, compreso il livello comunale.
I dati che esulano dalle pubblicazioni standard dell'Ufficio federale di statistica[11] sono accessibili a pagamento tramite gli Uffici nazionali di statistica [NdT.: non è specificato se il ministero non abbia tali statistiche o se invita il Parlamento a procurarsele in proprio, previo pagamento].
I dati dei singoli comuni non sono segreti. Nel 2014, a livello comunale, è stato versato un importo totale di € 35.449.813.757.
Calcolando la ripartizione sui 563 Jugendamt, per l’anno di riferimento corrisponde un importo medio di 63 milioni di euro per ognuno degli Jugendamt.
I bilanci effettivi differiscono inoltre in funzione della popolazione che vive nella rispettiva area di competenza. Le differenze di bilancio si spiegano, ad esempio, con i programmi di sovvenzioni statali, con i quali, ad esempio, i gestori degli asili nido sono in parte finanziati direttamente dallo Stato. Altre differenze sono legate alla struttura sociale della popolazione. Un confronto sovra-regionale degli esborsi comunali non è possibile su base forfettaria, perché va tenuto conto delle particolarità locali.


6. Quale autorità a livello statale o federale controlla le attività degli Jugendamt?

Gli uffici degli Jugendamt, in quanto istituzioni pubbliche locali per l'aiuto ai giovani, fanno parte dell'amministrazione (autonoma) comunale. Questa è soggetta alla supervisione legale organizzata all'interno del rispettivo stato federale che esamina la legittimità delle decisioni degli Jugendamt.
In ognuno dei Länder della Repubblica federale di Germania è diversamente regolato quale autorità è responsabile della supervisione giuridica dei singoli Jugendamt.
Non esiste un’istanza di controllo federale sulle decisioni degli Jugendamt.
A livello federale si stabiliscono le norme del Codice sociale tedesco, Libro VIII (SGB VIII) che sono determinanti per l’aiuto a bambini e giovani e che vengono poi messe in pratica da ogni Land in autonomia, ex art. 83 della Legge fondamentale.
Naturalmente, il governo federale è in regolare contatto con i Länder circa il contenuto e l'applicazione di queste norme che riguardano, sia la progettazione di nuove regolamentazioni, sia l'applicazione di norme esistenti.
E’ esclusa l’influenza diretta della Confederazione [Bundes] sulle singole decisioni degli Jugendamt a causa della giurisdizione costituzionale della Repubblica federale di Germania. Le decisioni dello Jugendamt possono essere rivendicate dinnanzi agli organi giurisdizionali; le persone interessate possono farle riesaminare dai tribunali competenti.


A che punto della controversia viene trasmessa la raccomandazione dello Jugendamt al Tribunale familiare?

Non vi sono disposizioni procedurali per la trasmissione della raccomandazione dello Jugendamt al Tribunale. Si rimanda tuttavia alla regolamentazione della partecipazione attiva [Mitwirkung] dello Jugendamt in tribunale, ai sensi del §162 del Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione (FamFG) [testo: § 162 - Mitwirkung des Jugendamts.
(1) Das Gericht hat in Verfahren, die die Person des Kindes betreffen, das Jugendamt anzuhören. Unterbleibt die Anhörung wegen Gefahr im Verzug, ist sie unverzüglich nachzuholen.
(2) In Verfahren nach den §§ 1666 und 1666a des Bürgerlichen Gesetzbuchs ist das Jugendamt zu beteiligen. Im Übrigen ist das Jugendamt auf seinen Antrag am Verfahren zu beteiligen.
(3) In Verfahren, die die Person des Kindes betreffen, ist das Jugendamt von Terminen zu benachrichtigen und ihm sind alle Entscheidungen des Gerichts bekannt zu machen. Gegen den Beschluss steht dem Jugendamt die Beschwerde zu[12]].
Nell’ambito della partecipazione o della consultazione dello Jugendamt, anche le sue raccomandazioni vengono inviate al Tribunale.


Il genitore interessato viene informato dallo Jugendamt, prima dell'udienza, della raccomandazione di cui sopra? Un genitore ha il diritto, durante il procedimento, di opporsi alla raccomandazione dello Jugendamt?

Ai sensi del § 160 del Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione (FamFG), i genitori devono essere ascoltati nel corso del procedimento. Durante l'audizione, i genitori avranno ovviamente la possibilità di presentare le loro osservazioni relative a quanto sostenuto dallo Jugendamt. Se il tribunale intende basare la propria decisione sulle constatazioni formulate dallo Jugendamt nella sua presa di posizione, la parti avranno comunque già avuto occasione di presentare le proprie osservazioni[13] (§ 37 Par. 2 Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione (FamFG).


I genitori vengono ascoltati dallo Jugendamt prima del procedimento in tribunale? Questi ascolti vengono documentati dallo Jugendamt? I dati vengono messi a disposizione dei genitori?

Ai sensi del § 50, par. 2 Codice sociale tedesco, Libro VIII [SGB VIII], lo Jugendamt informa il tribunale della famiglia in particolare sui servizi già offerti e già messi in atto [NdT.: per esempio se ha già allontanato il bambino dalla famiglia], introduce punti di vista educativi e sociali relativamente allo sviluppo del bambino o del giovane e indica ulteriori possibilità di aiuto (per i giovani).
Nelle cause portanti su minori, lo Jugendamt informa il Tribunale sullo stato del processo di consulenza, ex § 155 par. 2 Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione [FamFG]. Questo presuppone che lo Jugendamt, prima del procedimento in tribunale, sia già entrato in contatto con i genitori e li abbia consigliati e supportati o che abbia tentato di stabilire tale contatto per poter offrire un aiuto. Come base per l’elaborazione dell’aiuto va redatto un piano di aiuto con i detentori dell’affido e con il bambino o giovane che contenga la precisazione delle necessità, del tipo di aiuto e degli interventi necessari (ved. §36 par. 2 frase 2 del Codice sociale tedesco, Libro VIII). Questo piano di aiuto [Hilfeplan] serve anche come base per l’informazione al tribunale. Non avviene nessun ascolto formale relativo alla presa di posizione che presenterà lo Jugendamt al tribunale. Nella misura in cui un piano di aiuto viene elaborato insieme ai genitori [NdT.: imposto], non è necessario metterlo a disposizione poiché il suo contenuto è stato elaborato insieme. Il diritto alla restituzione e la documentazione pertinente si orienta secondo le regole generali del diritto di informazione sui dati sociali degli interessati, ex § 83 del decimo libro del Codice sociale tedesco (SGB X), ai sensi di §§ 61 e segg. Codice sociale tedesco, libro VIII.


7. Prima dell’esecuzione di un decreto del tribunale, lo Jugendamt può attuare provvedimenti provvisori relativi al bambino. Questo avviene per esempio in presenza di una Beistandschaft, tema ricorrente tra i petenti. Perciò la Commissione Petizioni vorrebbe ricevere informazioni dettagliate circa tali provvedimenti e relativamente alla Beistandschaft:

Esiste per i genitori la possibilità di presentare opposizione contro tali provvedimenti? Chi decide l’apertura di una Beistandschaft e questo in base a quali criteri avviene? L’intervento del giudice è presupposto necessario all’apertura di una Beistandschaft? entrambi i genitori possono avvalersi di un provvedimento o di una decisione di Beistandschaft prima della decisione del giudice sulla custodia del minore? Su quali criteri si basano le decisioni relative all’apertura di una Beistandschaft dello Jugendamt? Esiste la possibilità di opporsi ad una Beistandschaft? Se si, un tale ricorso sospenderà o cancellerà la Beistandschaft? Il controllore del procedimento [Verfahrensbeistand] è in contatto con i genitori prima che la relazione sia presentata in tribunale?

La Beistandschaft dello Jugendamt è regolamentata dai §§ 1712 e segg. del Codice civile tedesco [BGB]. E’ una speciale forma della rappresentanza giuridica del minore. Si tratta di un supporto volontario che viene offerto dallo Jugendamt alle madri, nel caso in cui i genitori non siano sposati, ex § 52a del Codice sociale tedesco, Libro VIII. La Beistandschaft presuppone, ex §1712 del Codice civile tedesco, la richiesta scritta del genitore indirizzata allo Jugendamt di competenza. La richiesta può essere presentata dal genitore che detiene la responsabilità genitoriale esclusiva [NdT.: = in Germania la madre non sposata] relativamente all’ambito cui si riferisce la Beistandschaft, oppure, nel caso in cui entrambi i genitori detengano la responsabilità genitoriale, dal genitore presso il quale vive il bambino (§1713 Par. 1 Codice civile tedesco). Non avviene nessun controllo giuridico. Lo Jugendamt controlla solo la ricevibilità della richiesta. La Beistandschaft è un’offerta di aiuto dello Jugendamt che dipende solo dalla volontà di accedervi del richiedente avente diritto e che ha inizio con il ricevimento della richiesta presso lo Jugendamt competente. Non è necessario un decreto del tribunale. Pertanto non è neppure possibile presentare opposizione. La Beistandschaft termina, ex § 1715 del Codice civile tedesco, su domanda scritta di chi ne aveva fatto richiesta.

La Beistandschaft è limitata alle aree di responsabilità specificate nel § 1712 del Codice civile tedesco:
La determinazione della paternità e la rivendicazione dei crediti alimentari, nonché la disponibilità di tali crediti. Nell'ambito di questi compiti, lo Jugendamt diventa, attraverso la Beistandschaft, il rappresentante del bambino e agisce a fianco del genitore che ha il diritto di rappresentare il bambino. Ciò non è necessariamente accompagnato da una limitazione della responsabilità genitoriale. Inoltre, lo Jugendamt non può adottare provvedimenti più estesi della rappresentanza nelle suddette aree di responsabilità.

Il sostegno ai sensi del § 1712 del Codice civile tedesco non va confuso con il controllore del procedimento [Verfahrensbeistand]. Il controllore del procedimento è nominato dal Tribunale, nei casi previsti dalla legge (ad es. §§ 158, 167, 174, 191 Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione [FamFG]).
Il controllore del procedimento [Verfahrensbeistand] ha il compito di determinare l'interesse del minore e di farlo valere nel procedimento in tribunale. Tuttavia, questo non lo rende il rappresentante legale del bambino.
Il controllore del procedimento [Verfahrensbeistand] deve inoltre informare adeguatamente il minore in merito all'oggetto, allo svolgimento e al possibile esito del procedimento (§ 158, par. 4, capoverso 2 del Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione).
Il tribunale può affidare al controllore del procedimento anche il compito di avere colloqui con i genitori e con altre persone di riferimento del bambino e di lavorare al raggiungimento di una composizione amichevole (art. 158 par. 4 capoverso 3 Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione).


8. La Commissione Petizioni vorrebbe sapere se gli Jugendamt sono in grado di valutare le prestazioni dei giudici nei procedimenti in materia di diritto di famiglia. In caso affermativo, quali misure vengono adottate per garantire che tale valutazione non incida sulle carriere dei giudici? Esistono dati anche sul numero di casi in cui il giudice emette un decreto diverso da quanto proposto dallo Jugendamt?

Come già spiegato nella risposta alla domanda 6, la partecipazione dello Jugendamt nei procedimenti giuridici in materia di famiglia è disciplinata dall'articolo 162 del Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione. Inoltre lo Jugendamt ha particolari diritti, quello di essere ascoltato e di essere parte in causa.  Con ciò gli Jugendamt concorrono al chiarimento dei fatti, così come deve essere fatto in via istruttoria dal tribunale.

Non spetta tuttavia alle autorità valutare l'attività dei tribunali. Qualsiasi influenza, di qualsiasi tipo sul lavoro dei tribunali o sulla carriera dei giudici non sarebbe conciliabile con il principio costituzionale dell’indipendenza dei giudici (Articolo 97, Par. 1 della Legge Fondamentale).

La tutela giuridica dei genitori ex Art. 19, Par. 4, della Legge fondamentale (GG) contro una presa di posizione dello Jugendamt, è disciplinata dalle disposizioni del Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione [FamFG]. Il controllo della decisione di primo grado da parte della Corte d'appello conclude l'accertamento dei fatti, e così la dichiarazione dello Jugendamt quale parte non indipendente del procedimento del tribunale familiare. Dati sul numero di casi in cui il giudice di primo grado non ha seguito la valutazione dello Jugendamt non tuttavia sono disponibili.


9. Nei procedimenti in materia di diritto di famiglia, in Germania i minori vengono sentiti a partire dai tre anni di età. In altri Stati membri dell'UE, i bambini di questa età sono considerati troppo giovani e non sufficientemente maturi per essere consultati nelle controversie tra i genitori.

La Commissione Petizioni vorrebbe pertanto sapere se le autorità tedesche rifiutano sistematicamente di eseguire decisioni giudiziarie emesse all'estero, nei casi in cui i minori non siano stati ascoltati (anche nel caso di bambini molto piccoli).

Ex Art 23 del Regolamento (CE) n. 2201/2003 del Consiglio, del 27 novembre 2003, relativo alla competenza, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale, che abroga il regolamento (CE) n. 1347/2000 (detto “Bruxelles II bis”) le decisioni relative alla responsabilità genitoriale non vengono riconosciute se, salvo i casi d'urgenza, la decisione è stata resa senza che il minore abbia avuto la possibilità di essere ascoltato, in violazione dei principi fondamentali di procedura dello Stato membro richiesto.

I giudici nazionali sono tenuti ad ascoltare personalmente il minore, se ha compiuto i 14 anni. Se il procedimento riguarda solo i beni del minore, si può rinunciare a un'audizione personale, se questa non è appropriata alla natura della questione. Se il bambino non ha ancora compiuto 14 anni, deve essere ascoltato personalmente se gli interessi, i legami o la volontà del bambino sono importanti ai fini della decisione, o se per altri motivi è richiesta un'udienza personale (art. 159 Par. 1 e 2 Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione [FamFG]).
Secondo la giurisprudenza della Corte costituzionale federale può essere richiesto l’ascolto di un bambino di quasi tre anni al momento dei fatti, o per lo meno va nominato un controllore del procedimento [Verfahrensbeistand]. La volontà espressa da un bambino molto piccolo non è espressione del diritto di autodeterminazione del bambino. Dall’ascolto possono però emergere i legami del bambino[14] con uno dei genitori, che a loro volta vanno tenuti in considerazione nel processo decisionale (ved. Corte costituzionale federale, decisione del 26 settembre 2006, 1 BvR 1827/06, Rz. 24). Solo in casi eccezionali si può rinunciare all’ascolto. Se pertanto l’ascolto è necessario in base a questi principi, un mancato ascolto impedisce in genere il riconoscimento in Germania di una decisone straniera (ved. Rauscher in Europäisches Zivilprozess- und Kollisionsrecht, 4 edizione, Art. 23 Bruxelles II bis, Rz. 8 – 9).

Di conseguenza, la Corte d'Appello di Monaco, ad esempio, ha ritenuto necessaria l'audizione di bambini di cinque e otto anni e ha rifiutato il riconoscimento di una decisione perché nello Stato di origine, a causa della tenera età dei bambini, si era rinunciato ad ascoltarli (Corte d'Appello di Monaco, decreto del 20 ottobre 2014, 12 UF 1383/14, II.3.a).

Il mancato ascolto non costituisce un impedimento al riconoscimento se la decisone da riconoscere è stata emessa in via d’urgenza (Corte federale di giustizia, decisone del 8 aprile 2015 – XII ZB 148/14 – BGHZ 205, 10 – 22, Rz. 46)-


L’ascolto del minore non viene registrato e i genitori ricevono solo un breve riassunto.

Ex § 28 Par.4 2 Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione [FamFG] va redatto un documento relativo all’ascolto del bambino. Nella nota vanno indicati i passaggi più significativi dell’ascolto personale. La realizzazione della nota è possibile in forma di documento giuridico elettronico [NdT.: dunque risposta affermativa al quesito]


In relazione a quanto sopra, indicate per favore chi partecipa all’ascolto del bambino

Se il tribunale ha nominato un controllore del procedimento [Verfahrensbeistand] ex § 158 del Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione [FamFG], l’ascolto deve svolgersi in sua presenza. Inoltre, il modo in cui viene effettuato l’ascolto è a discrezione[15] del tribunale, ex § 159 Par 4, capoverso 4 Codice di procedura in materia familiare e di libera giurisdizione [FamFG]. Il tribunale deve rendere possibili delle condizioni di dialogo positive e protette, che permettano al bambino di esprimere apertamente desideri e necessità. Pertanto in molti casi può essere necessario effettuare l’ascolto del bambino in assenza dei genitori e dei loro avvocati, per non mettere il bambino in condizioni conflittuali rispetto ai genitori quando fa dichiarazioni veritiere e perché la loro presenza può influenzare l’imparzialità del bambino[16]. Ai genitori va comunque comunicato l’esito dell’ascolto, nel rispetto del diritto ad un equo processo[17].



[1] NdT. La Commissione Petizioni ha deciso di NON tradurre più la parola JUGENDAMT, poiché lo Jugendamt NON è un Servizio sociale e poiché, oltre ad essere il terzo genitore di ogni bambino sotto residente in Germania, detiene poteri neppure lontanamente paragonabili a quelli dei Servizi sociali degli altri Stati dell’Unione.
[2] NdT. In quanto terzo genitore, lo Jugendamt può, anche in mancanza assoluta di prove, richiedere al tribunale il trasferimento a se stesso dei diritti genitoriali.
[3] NdT. Con questi “interventi urgenti” si intende l’allontanamento dei bambini dai loro genitori anche in mancanza di decisione giuridica. In questo modo lo Jugendamt crea un dato di fatto a seguito del quale non dovrà più dimostrare l’inidoneità dei genitori, ma saranno i genitori a dover dimostrare di essere particolarmente idonei per tentare di riavere i propri figli.
[4] NdT. Esistono numerose testimonianze di bambini divenuti adulti che rivelano di essere stati costretti a dire che non volevano tornare dai genitori.
[5] NdT. Sempre almeno 3: lo Jugendamt e i due genitori!
[6] NdT. Dunque la risposta conferma che non esiste una definizione di “diritto di affido”. Esiste solo una “cura del patrimonio” e una “cura della persona”.
[7] I dati statistici relativi a tutte le sotto-questioni della domanda 5. si basano su indagini relative a finalità statistiche ancora da realizzare su bambini e giovani, come da  §§ 98 e segg. del libro VIII del Codice sociale tedesco.
[8] Stand 2016; Fonte: Ricerche dell’ufficio statistico su aiuti a bambini e giovani [Recherchen der Arbeitsstelle Kinder- und Jugendhilfestatistik]
[9] Escluso il personale tecnico/domestico, al dicembre 2014 (tutte le aree tranne la custodia giornaliera) cioè fino al marzo 2015 (custodia giornaliera o assistenza diurna).
[10] NdT. Questi dati omettono completamente quelli relativi per es. ai “freie Träger” di cui alla domanda precedente ed il cui personale è per lo meno altrettanto numeroso di quello dello Jugendamt.
[12] Gegen den Beschluss steht dem Jugendamt die Beschwerde zu = Lo Jugendamt ha il diritto di presentare opposizione al decreto.
[13] NdT.: La risposta alla domanda è dunque, NO
[14] NdT.: Per questo motivo il genitore non-tedesco viene allontanato molto prima del procedimento in tribunale. Vengono fatti passare molti mesi (tempo che risulta ancora più lungo in caso di bambino piccolo) prima di arrivare al procedimento e alla convocazione in tribunale. Solo allora, quando il legame con il genitore allontanato è stato pregiudicato, si procede all’ascolto per affermare che il bambino ha legami solo con il genitore tedesco ed è con lui/lei che deve restare.
[15] NdT.: spesso si legge nei fascicoli di genitori binazionali di ascolti fatti al bar con il bambino, il genitore tedesco e il controllore del procedimento
[16] NdT.: Il “vetro-specchio” o vetro unidirezionale non è assolutamente contemplato in Germania. Anche negli altri paesi si evita di procedere all’ascolto del minore in presenza di troppe persone, ma questo non significa che le parti e i loro avvocati e consulenti tecnici debbano essere all’oscuro, pertanto si utilizza la tecnica di cui sopra o almeno si registra l’ascolto. Di tutto ciò NON c’è traccia in Germania. Nessuno sa cosa e come è stato chiesto al bambino né cosa lui abbia veramente risposto. Il riassunto dell’accaduto è inevitabilmente una interpretazione soggettiva.
[17] NdT.: In realtà, il principio dell’equo processo non è tutelato dalla  mera relazione conclusiva di quanto avvenuto senza che le parti (o perlomeno quella non-tedesca) abbiano avuto la possibilità di partecipare attivamente.

mercoledì 20 giugno 2018

In what sort of hypocritical nightmare am I living?










I am missing something:

All the medias report with horror about what has happened in the United States to those incarcerated clandestine immigrants and their children, locked (I hope just the time to find their relatives who will look after them until the moment they can be reunited with their parents!) but not a single word has been spent on what has been publically declared (and confirmed by the official data from the German Ministry) to the European Parliament: In 2016, in just one year (and every year the number increases) 84.000 children have been taken away from their parents in Germany, most of them (72%) are bi-national, therefore, if math is not an opinion, 60.840, a good portion of them Italians



All the mainstreaming medias dig up dirt on Salvini, because he has expressed the intention to conduct a census on gypsies, but no one tells you that if you end up in the clutches of a court/public prosecutor’s office while living in Germany (which is a not an unlike circumstance at all, it is enough to get separated from a German  husband/ wife to fall in the depths), on your fascicle it will be written in red letters the word AUSLÄNDER = FOREIGNER just as you see in the images (of a standard German fascicle) above.

Everybody is talking about the right to be welcomed, forgetting, more or less on purpose, that the real and main right should be to be able to live in their country and not feeling forced to move abroad (it would be enough to stop destroying their economies). So while hundreds of thousands of people are forced to leave their homeland and cross the Mediterranean Sea on unsafe boats, risking their lives to make landfall to the Italian coasts, hundreds of thousands of Italians are forced to move abroad and emigrate, looking for a job that can sustain their family. The vast majority of Italians who emigrate for economic reasons move to Germany, where, with a good probability (look at the statistics) they’ll have their kids taken away by a government that feel more adequate to raise the Italian children.

Dott.ssa Marinella Colombo
Membro della European Press Federation
Responsabile nazionale dello Sportello Jugendamt, Associazione C.S.IN. Onlus
Membro dell’Associazione Enfants Otages

Thanks to Salvo Migliorino for the translation from Italian to English

In quale sorta di incubo ipocrita mi trovo????














Mi sfugge qualcosa:
Tutti i media riportano con orrore quanto accaduto negli Stati Uniti con gli immigrati clandestini incarcerati e i loro bambini rinchiusi (spero, solo per il tempo di trovare i parenti che se ne prenderanno cura, in attesa di riabbracciare i loro genitori!), ma nessuna parola su quanto dichiarato pubblicamente (e confermato dai dati ufficiali del ministero tedesco) al Parlamento europeo: nel 2016, in un solo anno (e ogni anno aumentano), in Germania sono stati tolti ai genitori 84.000 bambini dei quali il 72% binazionali che sono, se la matematica non è un’opinione, 60.480 bambini, dei quali buona parte sono Italiani!

Tutti i media mainstreaming sputano fango su Salvini perché ha espresso l’intenzione di censire i Rom, ma nessuno vi dice che se in Germania finite nelle grinfie di un tribunale/procura (cosa per nulla difficile, basta separarsi dal coniuge tedesco per precipitare nel baratro) sul vostro fascicolo sarà scritto a caratteri cubitali Ausländer = Straniero !!! Come si vede dall’immagine autentica sovrastante!

Tutti parlano di diritto all’accoglienza dimenticando, più o meno volontariamente, che il vero unico diritto è quello di poter restare nel proprio paese, di non dover partire (e basterebbe smettere di distruggere le loro economie). Così, mentre centinaia di migliaia di persone sono costrette ad abbandonare la propria terra e attraversano il mediterraneo rischiando la vita per attraccare in Italia, centinaia di migliaia di Italiani sono costretti ad andarsene ed emigrare in cerca di un lavoro con cui mantenere la propria famiglia. La maggior parte dei “migranti economici Italiani” va in Germania, dove con molta probabilità (vedi le statistiche di cui sopra) verranno tolti loro i figli da uno Stato che si ritiene più idoneo a crescere i piccoli Italiani!

Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Giuseppe Conte, vogliamo parlarne?

Dott.ssa Marinella Colombo
Membro della European Press Federation
Responsabile nazionale dello Sportello Jugendamt, Associazione C.S.IN. Onlus
Membro dell’Associazione Enfants Otages

martedì 27 marzo 2018

Lo Jugendamt, il convitato di pietra in Commissione Petizioni

Il 22-02-2018 si è discussa in Commissione Petizioni al Parlamento Europeo (Bruxelles) l’ennesima petizione contro lo Jugendamt e il sistema familiare tedesco che distorce Leggi e regolamenti per appropriarsi dei bambini stranieri o binazionali. Qui l’intervento di eurodeputati francesi, italiani, greci




On. Edouard Martin Eurodeputato Francese sul tema dello Jugendamt a Bruxelles


On. Eleonora Evi Eurodeputata Italiana sul tema dello Jugendamt a Bruxelles


On. Virginie Rozière Eurodeputata Francese sul tema dello Jugendamt a Bruxelles


On. Marìas Eurodeputato Greco sul tema dello Jugendamt a Bruxelles

martedì 20 marzo 2018

Le perizie familiari in Germania ...








In Germania le perizie familiari sono redatte solo raramente da psicologi.

I periti incaricati non hanno necessariamente questo titolo.


Certo è che il 75% delle perizie non rispondono ai necessari requisiti scientifici!


Non è un'affermazione nostra, ma di professionisti tedeschi. Questo video, che idealmente segue quello relativo alla dichiarazioni del giudice familiare in pensione che affermava, "anche mia nonna potrebbe essere nominata perito familiare, non serve nessuna preparazione specifica".


Di sicuro, nei casi binazionali - che la TV tedesca si guarda bene dal presentare - la perizia serve sempre ad allontanare il genitore non-tedesco, indipendentemente dai fatti e dalle prove!

sabato 17 febbraio 2018

L'ennesima traduzione errata, quando si parla di Jugendamt tedesco!

Evidentemente in terra teutonica (ma anche in trasferta a Bruxelles) il fine giustifica sempre il mezzo, qualsiasi mezzo.
Il fine politico e soprattutto economico dato dall’introito che genera ogni bambino trattenuto in Germania giustifica evidentemente ogni mezzo, anche quello davvero poco edificante della traduzione errata.

L’intervento di Eleonora EVI in Commissione JURI a proposito delle modifiche al Regolamento Bruxelles II bis è stato svuotato di significato dalla traduzione tedesca, dunque inutilizzabile per tutti coloro che lo hanno ascoltato in quella lingua, compresi gli altri deputati partecipanti al dibattito e alle decisioni in merito.

Per l’ennesima volta constatiamo che i testi di eurodeputati italiani vengono tradotti ERRONEAMENTE dai traduttori tedeschi nella loro lingua, soprattutto i testi che criticano con precisione il governo tedesco.
I casi possono essere solo 2:
o i traduttori e interpreti madrelingua tedeschi a Bruxelles sono impreparati e comunque ad un livello molto più basso dei loro colleghi di altri paesi
o i traduttori e interpreti madrelingua tedeschi sanno cosa stanno facendo, ma preferiscono stravolgere i testi degli oratori non tedeschi, in modo da invalidarne i contenuti e l’efficacia.

A voi l’ardua sentenza!


giovedì 15 febbraio 2018

Lo Jugendamt e le violazioni dei diritti dei minori

Al Parlamento europeo si denuncia ancora lo Jugendamt


Intervento di Eleonora Evi al Parlamento Europeo, il 17 gennaio 2018, in Commissione JURI: “Una moltitudine di cittadini europei continua a denunciare, con lo strumento delle petizioni, gravissime violazioni di quei diritti fondamentali che questa relazione si prefigge di tutelare più efficacemente in materia di interesse superiore del minore e di responsabilità genitoriale. Le denunce in massima misura si concentrano su procedure, meccanismi e pratiche attuate in concreto dallo JUGENDAMT in Germania, ravvisando molteplici discriminazioni nei confronti di genitori non tedeschi. Persiste altresì allo stato attuale un’insufficiente disponibilità delle autorità tedesche preposte ad offrire piena ed autentica collaborazione. Finché su questa vicenda, che si trascina ormai da troppo tempo, non verrà fatta piena luce, la più rapida circolazione delle decisioni giudiziarie che si intende ottenere con questo provvedimento produrrà una semplice conseguenza : aggravare intollerabili ingiustizie che al contrario andrebbero combattute iniziando a intensificare i controlli e le verifiche puntuali degli Stati membri sulle condotte delle autorità competenti in materia di responsabilità genitoriale e garanzia effettiva del benessere dei minori coinvolti”.